Associazione Culturale “Accipiter” – Presentazione

logo_accipiter
mercoledì 24 Aprile 2013

Sala Consiliare
alle ore 18:30
PRESENTAZIONE

:nuovo: Articolo Gazzetta del Mezzogiorno (Enzo Labbate – 25.04.13)
accipiter

 

 

 

 

 

Il perché di un’ Associazione ora

di Pietro Varvarito

…Ci siamo messi in testa un obiettivo tanto importante quanto ambizioso: quello di porsi come punto di riferimento sociale, con particolare attenzione verso i giovani, cominciando anche a cercare una via, un’idea, che apra uno spiraglio in fondo a quel tunnel che è il mondo lavorativo locale.

L’idea base è quella di strutturarsi in modo tale da poter perseguire diverse finalità a breve, medio e lungo termine riguardo ai temi sociali che diventeranno quindi i nostri campi d’azione: Giovani ( scuola, musica, gite ecc.), Eventi (tradizioni culturali, sagre,qualche appuntamento fisso che vada oltre l’unica attrazione che abbiamo, la Festa, come un festival annuale ecc.), Lavoro ( piccoli lavoretti occasionali o di stagione, idee per una cooperativa, pensare ad un consorzio ecc.), Sociale (problematiche del paese,proposte riguardo l’organizzazione della nostra società, ecc.).

Ora stiamo cercando persone volenterose, che abbiano a cuore le sorti del Nostro Paese, che abbiano la convinzione di poter migliorare, anche partendo dalle piccole cose, la situazione cittadina, che abbiano ancora la speranza in un rilancio di Accettura…

Noi pensiamo di rispettare il suddetto profilo, siamo giovani e inattaccabili da un punto di vista morale, e perciò crediamo di poter raccogliere intorno a noi molta gente, tante donne e uomini,tra loro diversi, anche opposti in alcune cose, ma che abbiano come scopo comune quello di essere un valore aggiunto,ognuno a suo modo, per l’associazione che abbiamo in mente, per il Paese che abbiamo in mente…

L’intenzione è quella di cominciare a smuovere qualcosa,proponendoci come una sorta di casa sociale, di centro di idee, perché mai come ora ci sembra di essere giunti ad un punto morto, ad una situazione di apatia sociale, in cui tutto tace e non c’è niente di nuovo, in cui è evidente la pochezza di centri di aggregazione di ogni tipo e il vuoto sociale lasciato, soprattutto in riferimento ai più giovani, da chi dovrebbe invece “prenderli per mano”( ogni riferimento politico è puramente voluto). Ma per far ciò abbiamo bisogno di persone di spessore, che sappiano mettere gli obiettivi comuni davanti alle frizioni individuali, anche con passati sociali alle spalle ma non schiavi di essi,meglio se di estrazione diversa, che diano sostanza e costanza al nostro entusiasmo, che è davvero tanto! …

Idee ne abbiamo molte, ma il primo passo è fondamentale: trovare chi si rivede in quanto scritto sopra.

Ciò che abbiamo in mente è un cammino lungo e complesso, ma se abbiamo a cuore Accettura, abbiamo anche un obbligo morale riguardo al suo futuro… quindi svegliamoci!!! Compatti e convinti possiamo toglierci grandi soddisfazioni.

p.s.: l’uomo migliore è colui che potrebbe vivere in qualsiasi parte del mondo, ma sceglie di farlo qui: tra i suoi cari,con le sue radici, nel suo paese…

 

2 commenti

  1. Una bella notizia! I giovani di Accettura si sono organizzati con propositi di grande valenza sociale e culturale. La prima uscita per riappropriarsi e custodire i beni storico- ambientali del territorio di Gallipoli è un buon segno.L’attenzione per il Parco è infatti fondamentale per le prospettive di sviluppo: in questa fase in cui si elabora il Piano, che interesserà l’intera area protetta, occorrerebbe adeguata consapevolezza degli indirizzi ispiratori e delle decisioni assunte.
    Avanti dunque e buon lavoro.

    Thumb up 4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

:D :-) :( :o 8O :? 8) :lol: :x :P :oops: :cry: :evil: :twisted: :roll: :wink: :!: :?: :idea: :arrow: :| :down: :ita: :left: :right: :mail: :nuovo: