Madonna di Ermoli (13/05/2012)

Sfondo Accettura Ermoli

:down: SCARICA SFONDO (clic tasto destro -> sfondo/salva..) :down:

https://www.facebook.com/media/set/?set=a.244391555660461.39571.155350041231280

Quattro pulli di cicogna nera nati tra le Dolomiti lucane

Gazzetta del Mezzogiorno 11 Mag 2012 – Enzo Palazzo

UNA RARITA’ Al contrario della cicogna bianca che nidifica in aree urbane, la nera preferisce essere ben lontana dalle città

ACCETTURA. “Triplo fiocco rosa nel parco di Gallipoli Cognato. Sono nati tre “pulli” di cicogna nera”. La notizia è stata data dal presidente del parco, Rocco Luigi Lombardi, ma è già datata: i fiocchi rosa sono nella realtà quattro. La web camera posizionata davanti al nido ha svelato la presenza di un quarto piccoli di cicogna “lucana”, che ha schiuso il suo uovo in ritardo, probabilmente per fare notizia tutta per sé, spiazzando la stessa comunicazione ufficiale. Chi si volesse collegare in diretta sul nido della cicogna nera, può farlo dalla pagina web www.cicognaparcogallipoli.it La notizia è, come si dice in gergo giornalistico, da prima pagina, non perché una volta tanto la cicogna ha pensato a se stessa e non agli umani, ma perché la specie nera di questo elegante uccello è una rarità ornitologica che per condizioni di habitat favorevoli (al contrario della cicogna bianca che nidifica in aree urbane, la nera preferisce essere ben lontana dalle attività antropiche), su dieci coppie nidificanti in Italia, ben sei hanno scelto la Basilicata e, per l’esattezza, un’area specifica del parco di Gallipoli Cognato. Il progetto è coordinato da Egidio Mallia e ha come collaboratore esterno il naturalista Matteo Visceglia. è un progetto attivo dallo scorso febbraio e prevede un monitoraggio di due anni sulla distribuzione e status della Cicogna nera, uno degli uccelli nidificanti nel nostro territorio, ma tra i più minacciati in Italia, “al fine di ottenere un contributo alla conoscenza di questa rara e straordinaria specie”, si legge nella nota ufficiale dell’ente. Il quale ente, questa volta, a differenza del precedente annuncio dell’avvio dello studio di monitoraggio, fa a meno di citare che lo sponsor della ricerca scientifica è la multinazionale mineraria Total, cosa che suscitò un vespaio di polemiche. La multinazionale francese ha specifici e diretti interessi per un’istanza di ricerca, la “Oliveto Lucano”, confinante col Parco, e con il rischio che la ricerca e le future perforazioni avvengano anche all’interno del parco o nei suoi immediati confini, magari infastidendo la stessa cicogna nera e generando una convivenza contraddittoria: da un lato la protezione dell’Appennino lucano e dall’altro il suo sfruttamento intensivo. Forse occorreva predisporre un’ampia fascia di garanzia tra i confini del parco e quelli del permesso di ricerca Total. Il lieto evento è stato registrato, per la prima volta in Italia, alle 7.24, quando in Basilicata è, come dice Lombardi, “letteralmente arrivata la cicogna sulle nostre stupende Dolomiti lucane”.

Vito Belmonte riconfermato nel Consiglio Fiat di Melfi.

Vito Belmonte è stato riconfermato per la settima volta nel consiglio di fabbrica della Fiat di Melfi.
Nato ad Accettura il 20 Aprile 1963 , ha avuto anche una esperienza politica amministrativa quando nel 1993 viene eletto nel consiglio comunale del Comune di Accettura ,dove ricoprì l’incarico di assessore comunale e consigliere alla Comunità Montana Collina Materana. Viene riconfermato nel 1997 ricoprendo ancora una volta l’incarico di assessore in seno alla giunta comunale fino al 2001.
In contemporanea e precisamente a marzo 1995 viene assunto alla Fiat di Melfi come operaio alla catena di montaggio. A Giugno 1995 ci sono le prime elezioni nel consiglio di fabbrica, sceglie di candidarsi con la UILM metalmeccanici in quel momento la piu’ piccola organizzazione sindacale.
Vito ha contribuito a far diventare  piu’ grande l’ organizzazione sindacale non solo dentro lo stabilimento,  ricoprirendo  incarichi regionali nella UILM e nella UIL regionale insieme a due suoi amici  Vincenzo Tortorelli  e Carmine Vaccaro.
E’ stato interrottamente eletto per ben sette mandati consecutivi nel consiglio di fabbrica e alle ultime elezioni del 17-18 e 19 aprile scorso  la UILM  vince le elezioni.E’ risultato all 11° posto dei delegati eletti su 48 Rappresentanti Sindacali Aziendali da eleggere.

CHI VOLESSE FORNIRCI NOTIZIE DI ACCETTURESI SPARSI PER IL MONDO PUO’ SCRIVERCI DAL MODULO CONTATTI

1 187 188 189 190 191 214