Un giorno in pretura con Carlo Spagna (Rai 3)

La Corte d’Assise di Napoli, presieduta dal giudice Carlo Spagna, deve stabilire chi fu ad uccidere Attilio Romanò, giovane ventinovenne incensurato e sposato da soli 3 mesi, freddato da 5 colpi di pistola all’interno del negozio di telefonia a Secondigliano, periferia nord di Napoli, dove lavorava. Un tragico errore o un’esecuzione di camorra? Dietro l’agguato l’ombra di una faida spietata che in un solo anno è costata quasi 100 morti. Il tribunale dovrà decidere se ad uccidere Attilio è stato Mario Buono, un ragazzo appena maggiorenne ritenuto il baby killer del clan di Lauro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

:D :-) :( :o 8O :? 8) :lol: :x :P :oops: :cry: :evil: :twisted: :roll: :wink: :!: :?: :idea: :arrow: :| :down: :ita: :left: :right: :mail: :nuovo: