Accettura G. Colucci, il 13 ottobre riparte la seconda categoria

Foto dell’anno 2018/19

Domenica 13 ottobre ricomincia il campionato di seconda categoria, saranno undici le squadre che ne prenderanno parte.

Oltre alle conferme di Armento 58, Avis Burgentia, Giuseppe Barisano Stigliano, Pietrapetosa Dolomiti L., si aggiungono Anzi, Calvello Val Camastra, Montemurro, Proloco Calcio Spinoso, Matera Calcio 2019 e Nuova San Mauro. Essendo in numero dispari, riposerà una squadra per giornata.

Le partite più sentite per gli accetturesi saranno sicuramente le sfide con le vicine Stigliano, San Mauro e Pietrapertosa. Proprio quest’ultima ospiterà l’Accettura nella gara inaugurale del campionato, domenica alle ore 15:30.

Approfittiamo per augurare ai ragazzi di Accettura un campionato pieno di soddisfazioni. Noi, come sempre, seguiremo da vicino la squadra con una sezione dedicata e con le sintesi delle gare.

:arrow: Le gare della prima giornata

 

Total: gas gratis per Accettura e altri 12 comuni lucani

Gas gratuito per le famiglie ma anche per le strutture pubbliche che ricadono su quei territori.
È questo un altro pezzo dell’accordo che Regione e compagnie petrolifere Total, Shell e Mitsui hanno concordato nell’ambito dell’avvio delle estrazioni petrolifere nella Valle del Sauro. Come già avvenuto in passato, dunque, per i comuni che ricadono nel territorio delle estrazioni il gas sarà fornito gratuitamente, ma questa volta l’area d’intervento è molto più ampia. In tutto, ad essere coinvolti sin dall’inizio delle estrazioni di gas e per i prossimi trent’anni saranno non solo i tre comuni in cui rientra il Centro olio ma anche quelli della cinta più ampia.Tredici comuni che potranno usufruire senza alcun costo del gas che viene estratto a Tempa Rossa.

Comuni interessati: Gorgoglione, Corleto Perticara, Guardia Perticara, Anzi, Laurenzana, Castelmezzano, Cirigliano, Pietrapertosa, Stigliano, Accettura, Armento, Missanello, Aliano.

La decisione è stata presa nell’ambito dell’intesa che la Regione si appresta a firmare con le compagnie petrolifere della concessione «Gorgoglione». Rimodulando gli accordi che erano stati siglati nel 2006, infatti, la Regione è riuscita ad ottenere un incremento sostanzioso del quantitativo di gas che spetta alla Basilicata. Un incremento che tocca il 60 per cento e che, inoltre, viene spalmato non più in venticinque anni ma in trent’anni. Insomma, più gas per i lucani e per un tempo più lungo. Dagli iniziali 750 milioni di metri cubi di gas in venticinque anni, che nel 2006 erano stati assegnati alla Basilicata, si è passato all’attuale miliardo e 200 milioni di metri cubi in trent’anni.

Il che suddiviso per ogni anno significa 40 milioni di metri cubi di gas. Una cifra importante che consentirà non solo di coprire il fabbisogno dei comuni direttamente interessati dalla concessioni ma anche di allargare i perimetro comprendendo i tredici comuni del territorio oltre a diversi edifici pubblici lucani. E questo solo per iniziare. Perché – secondo indiscrezioni – una delle indicazioni su cui starebbe lavorando il governo regionale di Centrodestra sarebbe quella di individuare un meccanismo che consenta di fornire agevolazioni sull’energia alle imprese che si insediano in Basilicata.

Fonte Gazzetta del Mezzogiorno

Il Maggio di Accettura 2019 – Video di AccetturaOnline.it

Venerdì 27 settembre 2019 alle ore 21.30 saranno trasmesse in streaming su www.accetturaonline.it tutte le immagini riprese dalla nostra redazione nel corso del Maggio di Accettura 2019.
Non vi resta che iscrivervi al nostro canale youtube e impostare il promemoria per essere avvisati all’inizio della trasmissione.

Acquedotto lucano, sospensione idrica in diversi comuni

Si comunica che a seguito di un guasto sulla condotta maestra dello schema Frida, in agro di Francavilla in Sinni, per consentire la riparazione della medesima condotta e le consuete operazione di riempimento e lavaggio sarà necessario interrompere il flusso dalle sorgenti omonime a partire dalle ore 07:00 circa di giovedi 26 settembre e per le successive 30h, salvo imprevisti, con inevitabile riduzione del volume idrico distribuito dall’importante schema idropotabile.

Conseguentemente, l’erogazione ai serbatoi a servizio degli abitati di seguito riportati sarà pressoché nulla: San Costantino Albanese, San Paolo Albanese, Cersosimo, Noepoli e zone rurali, Senise e zone rurali, San Giorgio Lucano, Colobraro, Valsinni, Rotondella e zone rurali, Nova Siri Centro e zone rurali, Tursi e zone rurali, Montalbano J.co, Pisticci con zone rurali e zona ASI, Craco, Ferrandina con zone rurali e zona ASI, Pomarico, Miglionico e zone rurali, zone rurali di Montescaglioso, San Mauro Forte, Stigliano, Cirigliano, Gorgoglione, Accettura, Garaguso, Oliveto Lucano, Calciano, Salandra, Grassano, Grottole.

Sarà necessario interrompere l’erogazione anche alle diramazioni calabresi gestite dalla So.Ri.Cal
SpA, sottese dalla disconnessione di Bosco Farneta in agro di Noepoli (PZ) e dal serbatoio di Monte Coppolo in agro di Valsinni (MT), oltre che alle prese della zona industriale di Pisticci e Ferrandina.

Le interruzioni alle erogazioni saranno inevitabili e la durata relativa sarà dettata dal livello delle
riserve idriche qualora presenti e dalla posizione altimetrica rispetto allo schema di adduzione principale.

Ad ogni buon conto, la tempistica del ripristino del flusso sullo schema di adduzione principale del
Frida, sarà oggetto di successive comunicazioni

1 2 3 245