Festa di San Giuliano 2020. Calendario degli eventi Accettura, Germania, Monsummano e Galliera

Centinaia di chilometri di distanza non intaccano il legame indissolubile dei tanti accetturesi che mantengono vive le usanze, le tradizioni e le celebrazioni religiose in onore di San Giuliano Martire. Come ad Accettura, infatti, le comunità accetturesi di Monsummano Terme, Stoccarda e Galliera si apprestano a festeggiare anche quest’anno la ricorrenza del Santo Patrono del Paese del Maggio.

Ad Accettura i riti religiosi iniziano il 18 gennaio alle ore 21 con la novena di preparazione e si concluderanno domenica 26 gennaio ore 16 con la  processione di San Giuliano ed a seguire la Santa Messa al ritorno.

Si è deciso di spostare le solennità al 26 – sottolinea Don Giuseppe Filardi – perché queste, come le domeniche, sono celebrate anche alla vigilia. Pertanto si celebrerà il 26, con processione e santa messa, e il 27 gennaio si terrà comunque la funzione alle ore 11.00

A Galliera e Monsummano Terme i festeggiamenti si terranno il 1 febbraio, in Germania l’8 febbraio. Ulteriori dettagli nelle locandine allegate.

:arrow: Inviateci le foto, video e segnalazioni a admin@accetturaonline.it Facebook o Instagram

Carlo Spagna pubblica “Teresa B”. “Le Istituzioni hanno un debito nei confronti di Teresa e figlia”

Teresa B – Romanzo – Iuppiter Edizioni

Teresa B. è la storia di Teresa Buonocore, la madre di Portici che denunciò l’uomo che aveva abusato di una delle figlie e per il suo coraggio fu assassinata il 20 settembre 2010.
Una ferita ancora aperta raccontata nel libro “Teresa B:”, scritto per Iuppiter edizioni dal giudice Carlo Spagna, che come presidente della Corte d’Assise guidò il processo di primo grado concluso con la condanna all’ergastolo di Enrico Perillo, il mandante del delitto, già condannato per le violenze ai danni della bambina. Alla figlia di Teresa, oggi maggiorenne, è dedicato il libro e a lei saranno devoluti i proventi delle vendite. La storia è stata raccontata nel 2013 anche su Rai 3 da “Un giorno in pretura”, le puntate sono disponibili a fondo pagina

“Credo che le Istituzioni abbiano un debito nei confronti di Teresa e figlia. Un debito non solo morale o giudiziario, ma anche economico. In un Paese normale, in un mondo normale, non dovrebbe rappresentare un’eccezione la scelta di denunciare l’uomo che ha abusato di tua figlia. Purtroppo, lo dico con amarezza, da noi continua ad essere così. Teresa ha svolto fino in fondo il suo ruolo di madre, è rimasta sola, ed è stata uccisa.” dice a Repubblica il magistrato, da pochi mesi in pensione dopo 42 anni in toga durante i quali si è occupato di delitti come l’omicidio di Elisa Claps a Potenza e l’agguato in cui perse la vita, durante la faida di Scampia, l’incolpevole Attilio Romanò.

Il libro

Sullo sfondo di una città pervasa da indifferenza, paura e omertà, ove talvolta anche le istituzioni offrono di sé un’immagine ingloriosa, si consuma il dramma di una madre, Teresa Buonocore, colpevole di avere reagito agli abusi sessuali di cui è rimasta vittima sua figlia di nove anni. La sua denuncia all’Autorità innesca un’escalation criminale da parte del pedofilo che la porterà alla morte per mano di due killer, balordi come il loro mandante che dal carcere organizza e dà il via a una vera e propria esecuzione. Col suo primo romanzo, in cui rievoca i passaggi della sentenza di cui fu estensore inframmezzandoli con ricordi personali e giudizi critici su una professione, la sua, segnata da luci e ombre, Carlo Spagna fa il suo esordio in un genere che sta a cavallo tra il legal thriller, la cronaca giudiziaria e il poliziesco, senza appartenere a nessuno di essi.

L’autore

Attilio Romanò, il commesso ucciso per uno scambio di persona col gestore del negozio; Gianluca Cimminiello, il tatuatore ucciso per aver avuto tra i suoi clienti il giocatore Lavezzi; Petru Birladeanu, il fisarmonicista colpito da un proiettile vagante esploso durante una stesa a Montesanto; Vincenzo Liguori, il meccanico colpito fuori la sua officina dal proiettile che aveva attraversato, uccidendolo, il corpo di un camorrista di passaggio. Sono solo alcuni dei casi di vittime innocenti della criminalità di cui Carlo Spagna, magistrato dal 1977 al 2019, si è occupato nel corso della sua carriera. La lunga attività professionale annovera inoltre episodi di femminicidio che hanno avuto risalto nazionale, quale, all’epoca in cui era giudice a Potenza, l’uccisione di Elisa Claps, e, nuovamente a Napoli, quella di Teresa Buonocore, colpevoli, la prima, di non aver ceduto alle attenzioni sessuali del suo assassino; la seconda, di aver denunciato il pedofilo che abusava della sua bambina di nove anni, innescando così la vendetta di cui è poi essa stessa rimasta vittima.

:right: Video – puntate di “Un giorno in pretura” Leggi tutto

Nicola Marino su Rai 1 per ritrovare la bambina salvata dall’alluvione

:arrow: Video della puntata del 6 gennaio

Nella speranza di rivedere la bambina, oggi una donna, che salvò dal fango durante l’alluvione di Firenze del 1966, Nicola Marino si rivolge a Vieni da me, programma condotto da Caterina Balivo su Rai 1, per cercare di realizzare dopo 53 anni questo piccolo grande desiderio.

Accompagnato dalla figlia Lucia, Nicola racconta la sua esperienza di quando viene inviato, assieme ai commilitoni del Genio militare di Pavia, come soccorritore della popolazione di Firenze colpita dall’alluvione del 4 novembre 1966, il fiume Arno era straripato e la città era immersa nel fango.

Gli Accipiter si esibiranno sul palco de “l’Anno che verrà” trasmesso su RAI 1

:arrow: Video dell’esibizione del 31 dicembre

E’ stato da poco pubblicato il cast ufficiale della trasmissione “l’Anno che Verrà” trasmesso su RAI 1 la notte di San Silvestro, tra rappresentanti della Basilicata anche gli Accipiter di Accettura oltre ai “Musicamanovella”, a Rosmy e i “Sesto Mantra”.

Questo il comunicato apparso sul sito della Regione Basilicata:

Quest’anno, Potenza, capoluogo della Basilicata, diverrà la spettacolare cornice del Capodanno di Rai1.

Rai1 e “L’Anno che Verrà” accompagneranno il pubblico verso il nuovo anno dalla Piazza Mario Pagano, davanti alla bellezza del Teatro Francesco Stabile.

Musica, comicità e spettacolo saranno i protagonisti della tradizionale festa del Capodanno di Rai1 (trasmessa anche in HD sul Canale 501) che sarà realizzata in collaborazione con la Regione Basilicata e il Comune di Potenza.

Dalla Basilicata, terra di paesaggi straordinari, inconsueti e magici, territorio che anno dopo anno conquista attenzione internazionale per la sua bellezza, il pubblico di Rai1 sarà invitato a trascorrere il 31 Dicembre all’insegna del divertimento, della serenità e dell’allegria.

Potenza, la “città delle cento scale”, con la sua storia e le sue tradizioni, dalle 21 circa, non appena terminato il messaggio di fine anno del Presidente della Repubblica, ospiterà per oltre quattro ore una kermesse che metterà assieme grandi ospiti, sorprese e tanta musica.

Il programma sarà condotto da Amadeus.

Anche quest’anno “L’Anno che Verrà”, sarà seguito in diretta radiofonica da Rai Radio1 con uno speciale condotto sul posto da Marcella Sullo, Alfredo Pasqua e Giovanni Vignola che realizzeranno incursioni e interviste dal backstage nel corso della diretta.

Naturalmente il pezzo forte della serata sarà il cast d’eccezione messo a punto per dare vita a una serata unica e irripetibile.

Dopo il grande successo della reunion avvenuta e trasmessa da Rai1 dall’Arena di Verona, Al Bano e Romina Power tornano eccezionalmente a cantare insieme dal palco di Potenza in un’altra nottata magica solo e unicamente per Rai1 in quella che, con ogni probabilità, rimarrà come un’esibizione-evento nella storia di questa coppia.

Inoltre ci sarà Gigi D’Alessio, artista e show man poliedrico, reduce dal grande successo del suo ultimo show andato in onda su Rai1.

Ma non finisce qui… altre stelle brilleranno nella magica notte de L’Anno che Verrà:

Stadio, Arisa – peraltro lucana d.o.c. – Benji & Fede, Elettra Lamborghini, Marco Masini, gli 8 Finalisti di Sanremo Giovani, Antonella Ruggiero, The Kolors, Riccardo Fogli, Rocco Hunt, Fausto Leali, Alberto Urso, Ivan Cattaneo, Orietta Berti, Paolo Vallesi e tanti altri che contribuiranno a dar vita a una serata di festa e divertimento per una nottata che rimarrà unica.

E inoltre, reduce dai grandi successi di quest’ultima stagione musicale e televisiva, sul palco di Potenza sarà presente Cristiano Malgioglio.

Tutti gli artisti saranno accompagnati da una grande orchestra di 30 elementi, diretta dal Maestro Stefano Palatresi, che farà ballare e festeggiare il pubblico presente in Piazza a Potenza e i telespettatori a casa, suonando dal vivo i più grandi successi del presente e del passato.

Presente anche un grande corpo di ballo che renderà ancora più suggestiva ed emozionante l’atmosfera della piazza.

Carolina Rey, sarà invece la “speciale” guida turistica de L’Anno che Verrà, inviata in tante sorprendenti località tutte da scoprire di una fantastica Regione italiana, la Basilicata.

Anche in questa edizione dal palco de L’Anno che Verrà si esibiranno gruppi musicali di eccellenza lucani e quest’anno, oltre ad altri, sarà la volta di Rosmy, dei “Musicamanovella”, degli “Accipiter” e dei “Sesto Mantra”.

La regia è di Maurizio Pagnussat.

In questo ideale “tempo senza tempo” che è il Capodanno, “L’Anno che Verrà” vuole essere soprattutto una festa capace di unire generazioni diverse attraverso l’emozione della musica e dei ricordi, una lunga e grande festa per tutto ciò che di bello abbiamo vissuto nell’anno appena passato e per tutto ciò che di buono ci aspettiamo con l’arrivo del nuovo anno…

 

Fonte Comunicato stampa Regione Basilicata

1 2 3 248