Europee 2024 dell’8 e 9 giugno 2024

:arrow: Curiositâ
A San Pietro in Casale, Alessandro Poluzzi, figlio di Maria Belmonte, è eletto sindaco con il 44,03% dei voti.
 

:arrow: Dati affluenza, scrutini e preferenze ad Accettura


 

Sabato 8 e domenica 9 giugno 2024 si vota per l’elezione dei 76 membri del Parlamento europeo spettanti all’Italia.
I seggi saranno aperti sabato 8 giugno dalle ore 15 alle ore 23 e domenica 9 giugno dalle ore 7 alle ore 23.

Chi vota
Possono votare tutti i cittadini italiani iscritti nelle liste elettorali del proprio comune che avranno compiuto il 18° anno di età.
Inoltre possono esercitare il diritto di voto in Italia i cittadini di altro Paese dell’Unione europea residenti in Italia che hanno già presentato apposita domanda al comune di residenza, per votare esclusivamente per i membri del Parlamento europeo spettanti all’Italia..

Come si vota
Gli elettori devono recarsi a votare in possesso di documento di identità valido e tessera elettorale. In caso di smarrimento o esaurimento degli spazi per le timbrature sulla tessera, la stessa può essere richiesta anche nei giorni di votazione presso l’ufficio elettorale del comune di iscrizione nelle liste elettorali.

È possibile votare una sola lista, e non è ammesso il voto disgiunto. L’elettore può tracciare un segno sul simbolo della lista scelta, anche senza indicare candidati.

Le preferenze
L’elettore può altresì esprimere voti di preferenza, fino a un massimo di tre. Nel caso di più preferenze espresse, queste devono riguardare candidati di sesso diverso (ad esempio, nel caso di due preferenze: donna-uomo o viceversa; nel caso di tre preferenze: donna-donna-uomo o viceversa; donna-uomo-donna o viceversa).

Se si esprimono più preferenze per candidati tutti dello stesso sesso, vengono annullate le preferenze successive alla prima. Per i candidati compresi nelle liste di minoranze linguistiche può essere espressa una sola preferenza. La preferenza deve essere manifestata esclusivamente per candidati compresi nella lista votata.

Il voto di preferenza si esprime scrivendo, con la matita copiativa, nelle apposite righe tracciate a fianco del contrassegno della lista votata, il nome e il cognome o solo il cognome dei candidati preferiti, compresi nella lista medesima. In caso di:

• identità di cognome fra i candidati, deve scriversi sempre il nome e il cognome e, se occorre, la data e il luogo di nascita;
• candidato con due cognomi, l’elettore nel dare la preferenza può scriverne uno solo. L’indicazione deve contenere entrambi i cognomi quando vi sia possibilità di confusione tra i candidati.

L’elettore, dopo aver votato, deve aver cura di piegare la scheda all’interno della cabina elettorale e deve restituirla, debitamente piegata, al presidente di seggio.

Le liste di candidati presentate per ciascuna circoscrizione e i simboli dei partiti, movimenti o gruppi politici organizzati sono consultabili online, come anche i fac-simile delle schede elettorali.

Le 14 opere di Vito Cerabona donate al Museo dei Culti Arborei

Il Museo dei Culti Arborei di Accettura si arricchisce di un’importante collezione grazie alla generosità di Vito Cerabona, artista accetturese residente a Viadana da oltre 40 anni.
Cerabona ha donato 14 riproduzioni su tela, precedentemente esposte nella sala consiliare del Comune di Accettura durante le festività di San Giuliano. L’esposizione temporanea, che ha accompagnato i festeggiamenti del Santo Protettore, ha trovato una dimora permanente presso il museo a partire dal 25 maggio.

Accettura, esposizione durante il Maggio 2024

Il progetto, fortemente legato alla Festa del Maggio, nasce dall’intimo desiderio di rendere onore al Santo Protettore, San Giuliano Martire, che ogni accetturese, ribadisce Cerabona, porta sempre con sé, nel proprio cuore. Inoltre, vuole inoltre essere un omaggio al paese di origine, Accettura, sempre presente nelle mostre pittoriche dell´artista a partire dalla prima personale del 2017, “Ritratto di Paese”, fino alla piú recente “Forma/Colore” tenutasi dal 6 aprile al 5 maggio 2024 presso la prestigiosa location del Torrazzo Gonzaghesco di Commessaggio (Mn) che ha avuto una notevole risonanza a livello di critica, media e visitatori.

Inaugurazione di “Forma/Colore”, Commessaggio (Mn) 2024
Commessaggio (Mn) 2024

Nato nel 1954 ad Accettura (MT) Vito Cerabona è un accetturese che, come tanti, lascia da giovane la propria terra senza però dimenticare le proprie radici. A diciannove anni si trasferisce dalla Basilicata a Milano per frequentare il corso di laurea in lingue e letterature straniere moderne presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore. La conoscenza delle lingue straniere lo porta a intraprendere la carriera di export manager, professione che gli consente di girare il mondo per circa quarant’anni, allargando così le proprie vedute personali e professionali. Durante il periodo universitario scopre l’amore per la pittura, che coltiva in maniera amatoriale e dilettantistica per un decennio, partecipando nel 1986 a diversi concorsi e mostre collettive. Dopo queste esperienze, gli impegni lavorativi e familiari prendono il sopravvento sulla pittura, che viene messa a sopire “come sogno nel cassetto” per circa trent’anni, pur restando viva intimamente. Nel maggio 2016 rispolvera la vecchia passione mai dimenticata e riprende in mano i pennelli, con il desiderio di dedicare buona parte della nuova produzione alla propria Terra e alla propria Gente. Ed è da questo progetto che nasce la prima mostra ad Accettura, inaugurata il 2 giugno 2017, in occasione ed in onore del Santo Protettore, San Giuliano Martire. L’amore per la pittura, il forte legame con la Madre Terra, “l’Orgoglio Lucano-Materano”, diventano elementi di ulteriore stimolo per la realizzazione dei nuovi progetti espositivi: Lucania, la mia Terra, la mia Gente, in mostra a Matera dal 3 al 19 maggio 2019 presso il Circolo Culturale La Scaletta, nel cuore del Sasso Barisano, Lucania, la mia Terra, la mia Gente e…oltre, in mostra ad Accettura dal 7 al 14 giugno 2019 presso la Cripta di San Nicola, Lucania, Padania e…oltre, in mostra a Fontevivo (PR) dal 21 al 30 maggio 2022 presso l’ex Chiesa dei Cappuccini, Forma/Colore in mostra dal 6 aprile al 5 maggio 2024 presso il prestigioso Torrazzo Gonzaghesco di
Commessaggio (MN).

Il Maggio di Accettura – Domenica 19.05.2024 Foto @ilsettimosenso

Il restauro del Crocifisso della chiesa Sant’Antonio di Accettura

Nell’ambito del progetto Piccole Guide Turistiche, avviato dal 2022 dall’Istituto Omnicomprensivo di Stigliano, gli alunni delle scuole secondarie di I grado dei plessi di Accettura, Aliano, Gorgoglione e Stigliano hanno contribuito alla valorizzazione di un crocifisso proveniente dalla chiesa Sant’Antonio di Accettura, annessa all’ex convento francescano. Il Crocifisso verrà riconsegnato alla comunità il 24 maggio 2024 alle ore 18:00 presso la chiesa di sant’Antonio durante un convegno a cui prenderanno parte istituzioni civili ed ecclesiastiche.

Il progetto Piccole Guide Turistiche avviato dal 2022 dall’Istituto, sotto la guida della già dirigente Livia Casamassima, dell’attuale dirigente Giosuè Ferruzzi e della coordinatrice del progetto prof.ssa Milena Ferrandina si propone la riscoperta del passato attraverso il metodo della conoscenza delle fonti archeologiche, museali, iconiche e archivistiche dei beni culturali presenti nei territori di appartenenza.

L’Istituto ha avviato questo programma di educazione al rispetto e alla tutela del patrimonio storico-artistico che riconosce la centralità della scuola nella formazione della cultura e dei comportamenti responsabili delle nuove generazioni assicurando, pertanto, una nuova consapevolezza di tutela del bene artistico.

Il progetto è stato portato a termine attraverso l’esperienza diretta e concreta di conoscenza, studio, valorizzazione e promozione delle bellezze artistiche, architettoniche e paesaggistiche giungendo poi alla promozione delle stesse attraverso le visite guidate da parte degli alunni, al fine di rendere i beni culturali più accessibili e fruibili da parte di tutta la cittadinanza.

Le piccole guide di Aliano hanno aderito alle attività del progetto Changes per lo Spoke 1 promosse dall’Università degli Studi “Aldo Moro” di Bari collaborando come guide e narratori digitali con il Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia e Comunicazione dell’UNIBA creando contenuti digitali per la piattaforma IZI.TRAVEL the storytelling platform.

Invece le piccole guide turistiche di Accettura hanno partecipato alle attività proposte sia dalla scuola che dall’amministrazione comunale di appartenenza. Durante le manifestazioni messe in atto dal Comune, come l’evento de “Il Borgo”, gli alunni di tutte le classi secondarie hanno guidato il turista all’interno delle chiese della SS. Annunziata e di Sant’Antonio annessa all’ex convento francescano.

Il progetto ha permesso di avviare una raccolta fondi che ha consentito il restauro di una importante opera d’arte proveniente dalla chiesa di Sant’Antonio. Si tratta di una Crocifisso seicentesco di matrice francescana che è finalmente tornato al suo splendore originario grazie al lavoro certosino della restauratrice Gianna Iozzi.

In occasione del convegno gli alunni mostreranno alla comunità accetturese come il loro impegno abbia portato alla valorizzazione di un’opera d’arte rimarcando che anche la scuola può offrire un programma didattico che permette di riconoscere i beni culturali del territorio in cui opera.

Per la prima volta in assoluto la scuola è protagonista di un progetto che ha permesso di riportare alla luce un crocifisso ligneo risalente alla seconda metà del ‘700.

Programma

Saluti
Don Giuseppe Filardi Parroco di Accettura
Giosuè Ferruzzi Dirigente dell’Istituto Omnicomprensivo Stigliano
Alfonso Vespe Sindaco del comune di Accettura
S.E.R. Mons. Antonio Giuseppe Caiazzo Arcivescovo di Matera – Irsina e Vescovo di Tricarico

Interventi
Milena Ferrandina Storico e critico d’arte, ricercatore Università della Basilicata
Gabriele Scarcia Storico e critico d’arte, Cavaliere del Santo Sepolcro di Gerusalemme
Alunni della scuola sec. di I grado del plesso di Accettura

Modera
Domenico Infante direttore della rivista “Logos. Le ragioni della verità”- Diocesi di Matera-Irsina

1 2 3 281